EnglishItaly

Ultimi progetti

15images

Rhapsody, un nome che deriva da rapsodia. La rapsodia è una composizione musicale a un solo movimento, di carattere molto libero e variegato. Non segue uno schema fisso, ma si presenta come un insieme di spunti melodici, anche molto diversi tra di loro per ritmo e armonia, che conferisce toni quasi improvvisativi alla composizione. Viene anche qualificata come un componimento epico di varie culture ed età, ed ora, salendo a bordo c’è proprio questa sensazione. Una commistione di colori, contesti, attività, professioni ed età. L’indispensabile e navigata esperienza dei meno giovani si affianca all’entusiasmo inesperto di quelli che da poco sono stati formati dalle scuole professionali o dall’università e che avranno l’opportunità di concretizzare le proprie conoscenze teoriche attraverso questa esperienza di recupero navale complessa, variegata e unica nel suo genere. Siamo a Napoli, ma sembra di essere nella torre di Babele, maestranze e tecnici napoletani, equipaggio e tecnici stranieri, committente italo- svizzero, dunque la lingua ufficiale a bordo è chiaramente l’inglese, anche se il napoletano resta comunque ben più di una sfumatura. Siamo nel ponte garage, ma sembra più che altro una fabbrica di acciaio, il flex, la saldatrice e i paranchi sono la colonna sonora, 170 operai e ingegneri gli orchestranti.
Ci avviciniamo ad un’apertura di circa 2m x 3m sovrastata da un portico in acciaio. Al di sotto due giganteschi motori fanno capolino tra le tute e le teste dei meccanici e gli operai che si danno da fare nel ventre della nave.
Da questa apertura sono stati sfilati i quattro alberi motori di 10 m di lunghezza e 12 tonnellate di peso, gli otto assi a camme, le settantadue testate, gli altrettanti pistoni completi di bielle e tutti gli infiniti accessori che compongono i quattro motori navali, ciascuno da 10.750 KW. Camminando nel ponte garage, si vedono altre aperture e altri portici per lo sbarco delle parti che compongono i generatori, lo sbarco degli alternatori, dei trasformatori, delle pompe, dei motori elettrici e di tutti gli accessori e macchinari che contribuiscono a rendere funzionale l’intero sistema nave. Ora il tutto è ricomposto dopo le manutenzioni e lavorazioni in officina, tutto è al suo posto in attesa di riprendere durante la navigazione il ritmo e l’armonia rapsodiana. Scendiamo, una ripida e stretta scaletta ci porta in sala macchine, il soffitto è basso, il pavimento ingombrato da cavi, condotte di ventilazione e pezzi di ferro. Un via vai costante di operai, marinai e ingegneri ingombra gli stretti passaggi..

Scarica il libro RHAPSODY (26MB)

EnglishItaly